Riflessioni da lontano sul Mammacheblog

Elegrafica12 Comments

Sabato c’è stato uno dei più attesi eventi del mondo del mommyblogging, il Mammacheblog, il Social family day. Io ho partecipato come Mamma Media Partner, da lontano perché per motivi familiari, non ho potuto presenziare a questa fantastica giornata, ma internet è bello perché ti permette di seguire un evento anche da casa, e così con Instaggrammate e Twittate sabato ho seguito un po’ l’evento e vedere le foto dei social network mi ha fatto sentire come se fossi li.

Facebook e la rete dei blog oggi sono state invase da piacevoli resoconti. Non ho ancora visto tutti i video presenti su mammacheblog ma rimedierò presto.
Ho letto anche qualche recensione su blog nuovi che ancora non conoscevo come quello di managerdimestessa e di BBodo, altre recensioni sono di mamme blogger a me care come Quandofuoripiove che ha usato le immagini per raccontare questa fantastica giornata, e il Pampano che ha avuto un pensiero anche per me nella, su ParoladiLaura che ha fatto la stalker di blogger famose. L’elenco è ancora lungo e crescerà sicuramente, e domani mattina avrò un resoconto dal vivo di Mami.
Da tutte le recensioni che ho letto è emerso che l’organizzatrice principale dell’evento Jolanda Restano di Filastrocche è stata un’ottima padrona di casa, che Mammafelice è come immaginavo dal suo Retelab una fashion blogger.. ah no ehm…un’ottima insegnante che ha lasciato compiti da fare, e che sto recependo anche io per migliorare il mio blog.
Insomma una giornata strepitosa, si è capito però che molte vogliono fare le blogger di professione , perché tutte noi vorremmo poter conciliare lavoro e famiglia e lavorare da casa è sicuramente un ottimo modo, una cosa che però poche aziende in Italia hanno ancora recepito. Io sono una mamma che lavora da casa da ormai 5 anni, il blog l’ho aperto da allora, ma solo ultimamente ho ricominciato a seguirlo con passione e sta dando i suoi piccoli frutti. Sicuramente è un ottimo trampolino di lancio per presentarsi, non so se diventerò mai una blogger di professione, ma mi sto impegnando per far si che il mio lavoro prenda piede. Il blog per me è una vetrina per far vedere quello che so fare, e allo stesso tempo condividere con altre mamme la gioia di usare la creatività per far conoscere il mondo ai propri bambini, trovo che leggere e giocare con i propri figli sia l’insegnamento migliore che possiamo dare loro, cosi questo mio spazio serve anche per dare spunti ad altre mamme per costruire giochi, e ogni tanto se un libro o un posto dove sono stata con Stefano mi sono piaciuti, li segnalo qui.
Ho letto anche che l’impressione che si ha è che molte volte si cerchi solo il guadagno dal blog e ci si allontani un po’ dai contenuti per dare spazio alle aziende che ci contattano per pubblicizzarsi.
Una delle frasi più belle che ho letto è questa di managerdimestessa.

Nessuno legge blog noiosi, pilotati dal marketing, insinceri, inutili. 
Semmai vedeste della pubblicità sul vostro blog preferito, rallegratevene. Vuol dire che se la merita.


Una frase che ha colpito molte mamme perché oggi l’ho letta spesso. Una frase vera.

Io su questo blog aderisco al codice delle buone pratiche dei blogger e ho scelto di essere ADV Pro, nel senso che accetto banner e post sponsorizzati, per cui sicuramente nei prossimi giorni vedrete qualche post sponsorizzato sempre segnalato. Ma non è l’attività principale del mio blog, il mio blog non vive di sponsorizzazioni, anche perché spesso ricevo prodotti da sponsorizzare e non soldi. E come le blogger famose insegnano, non mi sono mai venduta per una recensione forzata o per prodotti che non mi piacciono, se una cosa non la voglio pubblicare rifiuto l’offerta. E anche le recensioni saranno sempre sincere e mai forzate e per il resto il lavoro è tutto mio, a volte segnalo altri blog che mi piacciono, come guest blogger, li non sono sponsorizzazioni, ma segnalazioni spontanee.
Insomma quello che è emerso dal Mammacheblog day è che per avere un buon blog, bisogna impegnarsi tanto ed è quello che cerco di fare, sperando di piacere a più persone possibili, se poi a qualcuno non piace il mio blog me ne farò una ragione. 


E stasera mi farò un’altra carrellata di recensioni e video per imparare sempre di più. Sotto a studiare.

12 Comments on “Riflessioni da lontano sul Mammacheblog”

  1. esatto, c’è sempre da imparare. e quando una cosa piace tutto viene più facile (grazie per essere passata a trovarmi, eh!)

  2. Neanche io ero presente, ma grazie a tutti questi resoconti mi sento più vicina a tutte voi che condividete la mia stessa passione. E questo è bellissimo, per me 🙂 Ciao!

  3. bellissimo post, io ho un piccolo blog, che per qualche arcano mi porta dei guadagni (solo post sponsorizzati)Ci arrotondo, come fa la mia vicina di casa a lavorare da babu sitter partime.. per un certo periodo recensivo “omaggi”, poi h smesso.Sì può, guadagnarci in maniera sincera. Ciò contro cui ci schieravamo era quello di blog non tanto ricchi di pubblicità, che se fatta bene va anche bene, quanto i blog che perseguono il solo scopo di guadagnare. Sai perchè? Perchè si vede. Non si è unici e ci si mette sempre ad emulare i “grandi” (che però quando sono diventati grandi, erano unici..). Auguri per tutto, e complimenti per il blog. Ero già passata da qua ma forse non te li avevo ancora fatti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.