La mia ricetta per la Torta Paesana

Elena ValliBLOG, MERENDE CREATIVE, RICETTE0 Comments

Torta Paesana

Torta Paesana

O detta anche Torta di Pane. Ieri era la festa del paese, abitando in provincia sento ancora molto le feste paesane, amo l’atmosfera di riunione della comunità in momenti di festa e condivisione. Da noi si festeggia il Palio Renatese, una settimana di giochi e festeggiamenti, sfide tra contrade dove alla fine della settimana si decreta la contrada vincitrice.

Torta PaesanaRicordo ancora quando da piccola tutto il vicinato era in fermento per preparare questa festa, addobbando balconi e preparando i carri per la sfilata iniziale, questa ormai non si fa più, una volta arrivavano veramente tante persone per ammirare i carri preparati con tanta cura, e i vestiti che le sarte e le mamme cucivano nel tempo libero, piccoli capolavori di sartoria e artigianalità.

Ormai tutto questo è stato molto ridimensionato, la festa c’è ancora ed è molto bella, molti giovani ancora si riuniscono per preparare questi momenti, e quest’anno all’apertura si sono veramente superati.

E durante la festa Patronale un dolce che non manca mai nella tradizione brianzola è la Torta Paesana, ogni famiglia ha la sua ricetta, c’è chi mette i canditi, chi no, chi mette gli amaretti, chi i pinoli, ma su una cosa siamo tutte d’accordo, il tempo di ammollo del pane nel latte deve essere lungo. Solitamente si inizia a preparare la sera prima per il giorno dopo. Infatti uno dei ricordi che ho, è quello che andavo con il cucchiaino ad assaggiare l’impasto mentre riposava.

Origini della Torta

La Torta Paesana viene anche detta Torta di Pane, o torta mica e lacc (pane e latte), da qui torta del Michelacc, come dicevo esistono numerose varianti, questa è la mia, ed è venuta buonissima, a detta dei miei uomini di casa e di mia mamma, e vi assicuro che sono molto critici. L’origine è povera, veniva fatta dai contadini durante le feste, con quello che si aveva in casa, la farina costava molto e buttare il pane era un peccato, e quindi si usava per la torta. Anche oggi io ho questa cultura di non buttare mai il pane avanzato, ma lo riutilizzo sempre, quando ne ho un po’ lo grattuggio e lo uso come pane grattuggiato.

 

Ingredienti

  • 400 g di Pane raffermo
  • 1 litro e mezzo di Latte
  • Una confezione di amaretti
  • 150 gr di zucchero (io ho usato quello di canna)
  • 3 uova
  • 50 g di burro
  • Uvetta
  • Una confezione di cacao amaro da 200 gr
  • una tavoletta di cioccolato fondente

Procedimento

La sera prima mettete in ammollo il pane raffermo con il latte, dopo circa due ore mettete anche il cacao amaro, gli amaretti e le uvette, mescolate di tanto in tanto e poi lasciate ammollare tutta la notte.

La mattina date una rimescolata all’impasto e aggiungete le uova intere, lo zucchero e il burro fuso.

Mescolate bene con un cucchiaio di legno per far amalgamare il tutto.

Lasciate riposare ancora una mezz’oretta, nel frattempo prendete una teglia imburratela e fate cuocere a 180° per un’oretta circa. Deve risultare morbida.

Ecco pronta la mia Torta Paesana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *