Il salvacena – frittata con patate

Elena ValliBLOG, GRAFICA E DESIGN, SALVACENA Comments

Frittata-patate-salvacena-ricetta

Ieri sera ho pubblicato sul mio Instagram questa foto. Un fortuito caso per cui mi è venuta particolarmente bene una frittata al forno con patate.

Frittata-patate-salvacena-ricetta

Ieri sono stata in giro tutto il giorno e avevo dimenticato di scongelare gli hamburger, siccome sto cercando di far mangiare meglio tutta la famiglia, non mi andava di tirare fuori gli ennesimi saltelli in padella. Avevo in frigo delle uova fresche bio che avevo preso al supermercato, si perché adesso è facile trovarle fortunatamente anche all’esselunga, hanno un’ottima selezione di prodotti Bio e delle patate lesse dal giorno prima. Così ho pensato di fare questa frittata al forno e visto l’ottimo risultato l’ho condivisa.

E ha avuto un discreto successo di pubblico tanto che qualcuno mi ha chiesto come l’avevo fatta, e comincio anche a domandarmi se non debba cambiare mestiere, magari cerco dei corsi di cucina…

E così eccomi qui a raccontarvi questa semplice ricetta, velocissima e che può davvero salvarci la cena, anche in caso di ospiti improvvisi, una frittata trasformata in un piatto da guormet e soprattuto light visto che è cotta al forno.

Ovviamente non ho foto del procedimento perché non pensavo di farci un post.

Ho usato 6 uova e le ho sbattute per pochi secondi con il frullatore elettrico, ma potete farlo anche con quello manuale, poi sono andata sul mio piccolo orticello sul balcone e ho raccolto qualche erbetta aromatica, in questo caso ho usato Timo limoncello, Salvia e basilico, li ho tritati grossolanamente con il coltello e li ho mescolati alle uova.

Il trucchetto è stato quello di aggiungere mezzo cucchiaino di bicarbonato, ho sbattuto questa volta a mano e poi ho aggiunto un’abbondante grattuggiata di pecorino romano, potete usare però anche il grana.

Ho preso poi la teglia di ceramica, quella che si usa solitamente per le crostate, ricoperta di carta forno e ho adagiato le patate lesse tagliate a fette sul fondo.

Alla fine ho versato sopra il composte e ho infornato in forno già caldo, (accendetelo durante la preparazione così sarà caldo al momento giusto) ho infornato e voilà. Sinceramente sono andata molto a occhio sia sulle dosi che sui tempi di cottura, mi pare di averla lasciata in forno ventilato per un quarto d’ora, il tempo di apparecchiare con i bambini e preparare l’insalata di contorno. Ed ecco pronta in meno di mezzora un’ottima cena completa. Inutile dire che non sono rimaste nemmeno le briciole.

Prometto che se per altri casi fortuiti dovesse rimanermi bene qualche altra ricettina veloce ve la posto.

Che dite ho un futuro nel food blogging?